IL PREMIO “NOBEL DELL’ECOLOGIA” ROSSANO ERCOLINI, SABATO A PERUGIA PARLERÀ DI STRATEGIA RIFIUTI ZERO. INCONTRO ORGANIZZATO DAL M5S

“NON BRUCIAMO IL FUTURO” è il libro che Rossano Ercolini, presidente di Zero Waste Italy e Zero Waste Europe per la diffusione della strategia “RifiutiZero”, presenterà sabato prossimo 7 marzo, alle ore 17, alla sala Sant’Anna in un incontro organizzato dal Movimento 5 Stelle. Maestro elementare di Capannori (Lu), Ercolini, nel 2013 ha infatti vinto il Goldman Environmental Prize, riconoscimento che viene definito il “Nobel dell’ecologia” che non veniva assegnato ad un italiano dal 1998. La Fondazione Goldman ha deciso di conferire ad Ercolini questo prestigioso riconoscimento, perché “quando sentì parlare dei progetti di edificazione dell’inceneritore nel suo comune, ritenne di avere la responsabilità, come educatore, di proteggere il benessere degli studenti e di informare la comunità in merito ai rischi dell’inceneritore e alle soluzioni per la gestione sostenibile dei rifiuti domestici del paese”.

L’impegno in campo ambientale di Ercolini risale infatti agli anni Settanta, in seguito ai piani per la realizzazione di un inceneritore vicino alla scuola dove insegnava. Alcuni anni più tardi, nel 1994, i progetti inerenti la costruzione di due inceneritori a Lucca, sua città natale, lo indussero ad intraprendere la sua battaglia a difesa dell’ambiente accettando la sfida di affrontare il problema dei rifiuti in maniera innovativa.

Alle dure battaglie sono poi seguiti importanti risultati: nel 2007 il comune di Capannori è stato il primo in Italia ad adottare la strategia Rifiuti Zero, trasformandosi in breve tempo nel punto di riferimento di un movimento in continua espansione la cui forza vitale riesce a coinvolgere in modo crescente cittadini e amministratori.

Il Movimento 5 Stelle, con questo evento vuole rimarcare la nostra critica costruttiva al “sistema umbro” dei rifiuti che, purtroppo, non gode di buona salute.

Nel 2013 in Umbria solo il 42,61% dei rifiuti è stato riciclato mentre il restante 57,39 è finito in discarica con costi economici, ambientali e sociali elevatissimi.

Secondo le previsioni dei nostri amministratori nel 2012 avremmo dovuto raggiungere il 65% di raccolta differenziata mentre siamo al 48%, avremmo dovuto conferire in discarica nel 2012 circa 60.000 t/anno di rifiuti mentre nel 2013 ce ne sono finite 336 mila tonnellate. Tutti errori che sono stati scaricati sui cittadini con la “lievitazione” della tassa sui rifiuti.

Rossano Ercolini oltre a promuovere alternative all’interramento e all’incenerimento dei rifiuti, spiegherà l’importanza di informare la comunità sui benefici sociali ed economici che derivano dal considerare i rifiuti per il loro reale valore economico, con un incremento occupazionale e opportunità di business nel totale rispetto dell’ambiente. Avremo certamente modo di capire come; l’Amministrazione Comunale si deve mettere al servizio del cittadino, spiegare l’importanza della raccolta differenziata, farlo sentire parte di un processo più grande per tutelare l’ambiente e migliorare la qualità della vita quotidiana di ognuno.

Altro tema importante sarà considerare la filiera dei rifiuti come un processo circolare: gli scarti di un processo produttivo devono diventare materia prima di un altro processo produttivo; si riduce il consumo di risorse e si genera risparmio. L’80% della strategia Rifiuti Zero si può conseguire attraverso politiche di raccolta differenziata qualitativamente elevata e in questo caso è di fondamentale importanza il ruolo svolto dai Comuni e dalla comunità. Il rimanente 20 % è insito nella responsabilità estesa del produttore.

Tutte cose ancora molto lontane dal “sistema umbro”, di inopinabile buon senso e assolutamente fattibili quando c’è la volontà politica di realizzarle.

Movimento 5 Stelle Perugia

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *