L’esercito a Fontivegge? Felicioni (LegaNord) con la sua proposta testimonia il fallimento di Romizi sulla sicurezza in quell’area.

L’esercito a Fontivegge? L’ODG di Felicioni (Lega Nord) testimonia il fallimento di Romizi sulla sicurezza in quell’area.

Si è discusso ieri 17 ottobre, in Quarta Commissione l’ordine del giorno presentato dal Consigliere di maggioranza Michelangelo Felicioni (Lega Nord) avente ad oggetto l’ “Utilizzo dell’esercito italiano per l’attività di presidio  e pattugliamento nel quartiere di Fontivegge”. Il Consiglieri Michele Pietrelli e Stefano Giaffreda, presenti in Commissione, hanno dichiarato come il Movimento 5 Stelle sia  favorevole ad un incremento delle forze dell’ordine nella zona di Fontivegge laddove si dimostri necessario, ma di certo l’ordine del giorno presentato dal consigliere di maggioranza Felicioni dimostra il totale fallimento della politica del centrodestra sulla sicurezza, baluardo della campagna elettorale del Sindaco Romizi. A distanza di oltre due anni dall’insediamento della Giunta Romizi si discute ancora di criminalità urbana, di spaccio e degrado e l’unica soluzione percorribile, per il centro destra, è quella di chiedere al governo nazionale l’invio di pattuglie dell’esercito. Incomprensibili i tentennamenti del Sindaco Romizi che ha partecipato alla seduta della IV Commissione, che con il suo comportamento di fatto delegittima il ruolo della Prefettura e della Questura sul territorio. Assurdo inoltre il rifiuto da parte della maggioranza di coinvolgere nel dibattito i rappresentanti della Prefettura e della Questura nonostante la richiesta espressa delle opposizioni. Rifiutando il contraddittorio con le Autorità preposte alla tutela della sicurezza, senza nel contempo proporre soluzioni valide, la maggioranza prende in giro i cittadini e le innegabili esigenze di sicurezza che quotidianamente manifestano e a cui il Sindaco Romizi potrebbe rispondere esercitando il potere di ordinanza.

I Portavoce Consiglieri M5S
Michele Pietrelli e Stefano Giaffreda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *