STAZIONE DI SANT’ANNA: MIGLIORARE I SERVIZI E LA VIGILANZA. IL M5S CHIAMA IN CAUSA LA REGIONE, UMBRIA TPL E MOBILITA’ E RFI. INERZIA TOTALE DEL SINDACO ROMIZI

Dalla chiusura del servizio ferroviario, che ha comportato la limitazione dell’area di parcheggio presso la Stazione di Sant’Anna, data dalla necessità di riservare l’area al Terminal Bus del servizio sostitutivo, come prevedibile, si sono verificati disagi tanto ai cittadini che alle attività commerciali. Problematiche legate ai servizi: bagni in parte chiusi e in parte non correttamente gestiti, assenza di una vigilanza efficace della stazione, al fine di limitare lo stazionamento, soprattutto nelle ore serali, presso la sala d’attesa della stazione, di soggetti che non sono utenti del servizio, e limitazioni alle aree di parcheggio che non consentono agli avventori delle attività commerciali di sostare per i pochi minuti in cui si trattengono presso i bar della zona. Umbria TPL e Mobilità, che risulta gestire il parcheggio a fianco della stazione, risulta infatti applicare una tariffa oraria, di 1,50 euro, non frazionabile. Peraltro, i tempi di percorrenza e le rotture di carico hanno determinato anche un sostanziale dimezzamento degli utenti del servizio ferroviario, i quali non trovano nel servizio sostitutivo, un servizio efficace. La situazione che si è venuta a determinare necessita di essere gestita nella maniera corretta e in modo da limitare quanto più possibile i disagi a cittadini e attività commerciali, anche alla luce del fatto che, nonostante gli annunci della Giunta regionale sulla ripresa del servizio, ad oggi, non c’è una data certa sulla riapertura dell’infrastruttura. Il M5S ha depositato un ulteriore ordine del giorno, che segue ad un precedente odg del febbraio 2017, con cui chiedevamo al Sindaco Romizi di stipulare un protocollo che impegnasse la Regione al rispetto di termini precisi per il completamento dei lavori, ad informare il Comune di Perugia sul loro andamento, a ridurre al minimo i disagi arrecati agli utenti. Nulla di tutto ciò è stato fatto dal Sindaco, il quale sulle questioni importanti è perennemente assente. Pertanto, abbiamo depositato un ulteriore ordine del giorno, con cui chiediamo l’audizione della Regione, di Umbria TPL e Mobilità, nonché di RFI, innanzitutto, per capire tempi di riapertura dell’infrastruttura ferroviaria, le modalità di gestione della stessa e dei servizi ad essa connessi, quale il parcheggio, e con cui chiediamo l’applicazione di una tariffazione frazionata per l’uso del parcheggio di Sant’Anna in gestione a Umbria TPL e Mobilità, il ripristino dei bagni e la loro corretta gestione, una appropriata vigilanza della stazione di S. Anna, a tutela degli utenti, delle attività commerciali e dei loro avventori.

Il Consigliere

Cristina Rosetti

(Portavoce M5S Consiglio Comunale di Perugia)

odg stazione di s. anna 30 marzo 2018

ODG LAVORI EX FCU

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *