INCREDIBILE! GESENU PER FARCI CAUSA SI APPELLA AL PRINCIPIO DI PRECAUZIONE. MA, ALLORA, LO CONOSCE!

PAGINA 1

INCREDIBILE, MA VERO! Gesenu ci fa causa per avere altri 3 milioni e seicentomilaeuro (oltre i 45 milioni che chi ha chiesto per il solo comune di Perugia) e per fondare la sua azione ha anche l’ardire di utilizzare il principio di precauzione: “uno dei canoni fondamentali del diritto dell’ambiente e alla salute, che trova attuazione facendo prevalere le esigenze connesse alla protezione di tali valori sugli interessi economici”. Peccato che quando gestisce i suoi impianti o quando ci propina lezioni sull’indispensabilità del CSS (combustibile solido secondario da bruciare nei cementifici umbri), invece che darci i risultati della raccolta differenziata spinta e di qualità, che da anni dovrebbe fare e non fa (la sola raccolta differenziata è ancora sotto il 65%, obiettivo 2012), se lo dimentica completamente. E, peccato che i nostri governanti ambientalisti e non, vadano a braccetto con gli interessi economici, dimenticandosi di salute e ambiente e del noto, possiamo, ormai, dire a tutti, principio di precauzione.

Cristina Rosetti

(Portavoce M5S Comune di Perugia)

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *