IL M5S CHIEDE INTERVENTI URGENTI DI MANUTENZIONE SUGLI IMPIANTI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE

 

Questa mattina, nella seduta della III Commissione Consiliare Permanente, è stato approvato l’ordine del giorno, a firma del Consigliere Stefano Giaffreda (M5S), avente ad oggetto la richiesta di controlli sugli impianti di pubblica illuminazione presenti nel territorio comunale. La richiesta nasce a seguito del grave incidente accaduto a settembre 2015 nel Parco Vittime delle Foibe di Madonna Alta, nel quale è rimasto folgorato un cane avvicinatosi ad un lampione. L’evento ha dimostrato inequivocabilmente il pericolo a cui sono esposti i cittadini e le loro famiglie nel frequentare luoghi pubblici oggetto di scarsa manutenzione e controllo da parte del Comune: l’incidente infatti sarebbe potuto occorrere ad una persona o ad un bambino. I Dirigenti intervenuti in Commissione hanno confermato l’esistenza di aree completamente al buio all’interno di alcuni parchi comunali, evidenziando che ciò sarebbe dovuto alla carenza di risorse finanziare per la manutenzione o il ripristino di impianti non più funzionanti. La Giunta evidentemente non ritiene così gravi e impellenti il pericolo e disagi derivanti dalla presenza di impianti non funzionanti o se funzionanti pericolosi per i cittadini, tali da impegnare immediate risorse per il ripristino degli stessi. Tali interventi risultano agli occhi di tutti gravi ed improrogabili. La serietà della questione è stata compresa anche da alcuni membri della maggioranza i quali si sono espressi a favore dell’ordine del giorno presentato. Il Movimento 5 Stelle, con l’ordine del giorno approvato oggi, ha chiesto al Sindaco e alla Giunta di proseguire con solerzia alla verifica degli impianti e al censimento delle criticità, rendendo pubblica, periodicamente, la data dell’ultima manutenzione effettuata. Come attualmente accade a Madonna Alta, lasciare al buio le aree favorisce le attività illecite. Evidentemente i tanti proclami della Giunta sulla sicurezza urbana sono, ad oggi, smentiti dai fatti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *